Come scegliere arbusti e piante rampicanti

Come scegliere arbusti e piante rampicanti? Il guaio degli arbusti e delle piante rampicanti è che ce ne sono troppi ed è un problema scegliere quale piantare. È bene guardare in giro negli altri giardini della zona quali rampicanti crescono meglio.

Bisogna anche recarsi ad un centro di coltivazione delle piante da giardino della vostra zona, oppure in un vivaio di assoluta serietà, dove si potranno esaminare cespugli cresciuti in cassette con foglie e fiori che permettono di fare una scelta adeguata.

Da un punto di vista più pratico, è bene anche considerare che cosa può contenere il proprio giardino. La maggior parte dei cataloghi dei vivaisti danno l’altezza definitiva di alberi e arbusti. Dovrete anche, come abbiamo detto, sapere se il terreno dei vostro giardino è acido, alcalino o neutro (ricorrendo ad analisi molto semplici che potrete fare anche da soli), oppure traendo deduzioni dagli indizi naturali che si notano nel giardino.

I terreni alcalini offrono condizioni favorevoli per la crescita del biancospino, del faggio, del viburno, della lavanda, della ginestra e del lillà. Se notate parecchie di queste piante nei giardini vicini potete fare le vostre deduzioni. I terreni acidi sono caratterizzati da un gran numero di conifere, di erica, di camelie e di rododendri che crescono nella zona. I terreni neutri non danno chiare indicazioni e i giardini con questo terreno sono generalmente un insieme di tutti i tipi di arbusti e di alberi.

L’altra domanda da porsi è quale e quanto riparo offre il giardino. Anche nell’ambito della stessa città ci possono essere grandi differenze per quanto riguarda i danni causati dal vento e dal gelo. Infine si arriverà a scoprire da soli, dopo aver fatto tentativi ed errori, che cosa cresce e che cosa si rifiuta di crescere; e in questa conquista personale consiste gran parte della soddisfazione che dà il giardinaggio. Sono i successi inattesi che ripagano di tutti gli sforzi compiuti.

Quali arbusti è bene coltivare?

La tabella ne mostra una varietà che crescono a non più di un metro di altezza; sono quindi ideali per giardini piccoli, come se ne trovano oggi. Qui sotto troverete alcuni consigli utili per situazioni speciali e qualche elenco piante rampiacanti.

TERRENO CALCAREO, GESSOSO

Berberis, Buddleia, Chaenomeles, Choisya, Cistus, Clematis, Cornus, Cotoneaster, Daphne, Deutzia, Diervilla, Escallonia, Euonymus, Fosythia, Hibiscus, Hypericum, Agrifoglio, Serenella, Philadeffihus, Potentilla, Ribes ornamentale, Senecio, Spirea, Viburnun.

AMBIENTI SENZA SOLE

Azalea, Berberis, Camellia, Daphne, Euonymus, Gaultheria, Hypericum, Mahonia, Olearia, Pachysandra, Pernettya, Ribes, Sarcococca, Skimmia, Vinca.

Molti arbusti, oltre a essere coltivati in aiuole nel giardino, si possono far crescere lungo i muri. In certi giardini, esposti al vento e al gelo, questo può essere il solo modo per coltivarli. Prima di piantarli è essenziale rimuovere la terra per una profondità di circa due vanghe e arricchire il terreno con molto terricciato o torba umida.

Ecco un elenco di arbusti da piantare lungo i muri: usatelo come se fosse una guida che vi aiuti a scegliere una soddisfacente rotazione, assicurandovi fiori a fragranza per tutto l’anno.

ARBUSTI DA PIANTARSI LUNGO I MURI

Camellia (nord o ovest), Ceanothus (sud o ovest), Chaenomeles (qualsiasi esposizione), Chimonanthus (sud o ovest), Choisya (sud o ovest), Cotoneaster horizontalis (qualsiasi esposizione), Magnolia grandiflora (sud o ovest), Prunus triloba (sud o ovest), Prycantha (qualsiasi esposizione), Viburnum burkwoodii (qualsiasi esposizione).

Questi arbusti si possono far crescere lungo un bosco o contro reticolati di plastica fissati al muro, oppure contro reticolati fatti con fili tesi orizzontalmente e assicurati ad occhielli di ferro, del tipo di quelli che si comprano dal ferramenta per sostenere le viti, fissati al muro.

Per le piante e gli arbusti che di solito sono considerati rampicanti, questi sostegni sono di vitale importanza.